RacCONTA LA MONTAGNA: il 19 dicembre ospite Stefano Mancuso

Nuovo appuntamento prima della pausa delle vacanze natalizie con "RacCONTA LA MONTAGNA", la rassegna letteraria promossa da Unimont, nell'ambito dell'Italian Mountain Lab .
Il 19 dicembre alle ore 17 sarà ospite presso la sede di Edolo il Prof. STEFANO MANCUSO, che presenterà la sua opera "Plant Revolution". 
Gli studenti di Scienze della Montagna avranno la possibilità di seguire in streaming la presentazione recandosi in aula 10.

DESCRIZIONE DEL LIBRO:  «Plant Revolution. Le piante hanno già inventato il nostro futuro» è il saggio di Stefano Mancuso, scienziato di fama mondiale che ci spiega come per migliorare la nostra vita non possiamo fare a meno di ispirarci alle piante. Perché le piante sono organismi sociali sofisticati ed evoluti che offrono la soluzione a molti problemi tecnologici, e sono anche molto più resistenti degli animali. Le piante hanno straordinarie capacità di adattamento, possono vivere in ambienti estremi, si mimetizzano per sfuggire ai predatori, si muovono senza consumare energia, producono molecole chimiche con cui manipolare il comportamento degli animali (e degli umani). Vere e proprie reti viventi, le piante sono organismi costruiti su un modello totalmente diverso dal nostro.

L'AUTORE:  Stefano Mancuso, Scienziato di prestigio mondiale, professore all’Università di Firenze, dirige il Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV). Membro fondatore dell’International Society for Plant Signaling & Behavior, ha insegnato in università giapponesi, svedesi e francesi ed è accademico ordinario dell’Accademia dei Georgofili. Con la sua start-up universitaria PNAT ha brevettato “Jellyfish Barge”, il modulo galleggiante per coltivare ortaggi e fiori completamente autonomo dal punto di vista di suolo, acqua ed energia, che si è aggiudicato l’International Award per le idee innovative e le tecnologie per l’agribusiness dell’United Nations Industrial Development Organization (UNIDO). È autore di volumi scientifici e di centinaia di pubblicazioni su riviste internazionali.